4|5 maggio – Cammino dei Briganti

Il Cammino dei Briganti è un itinerario unico che si snoda per 100 chilometri circa, tra borghi medievali e paesaggi suggestivi, in quella che fu la zona di confine tra lo Stato Pontificio ed il Regno delle Due Sicilie; in un intreccio continuo tra le terre abruzzesi e le terre laziali, la Marsica e il Cicolano, dove durante l’Unità d’Italia si nascondevano i briganti, spiriti liberi, che non volevano assoggettarsi ai nuovi padroni, e per questo erano entrati in clandestinità.
Una storia fatta anche di rapimenti, riscatti e misfatti vari. Una storia di 150 anni fa.

L’intero percorso del Cammino dei Briganti si può percorrere a proprio piacimento frazionandolo a seconda delle proprie capacità e numero dei giorni a disposizione. 
Noi, apportando qualche lieve modifica, abbiamo deciso di renderlo fruibile in due appuntamenti e in questo week end del 4 e 5 maggio percorreremo alcune fra le tappe più belle e caratteristiche dell’intero percorso.

Il weekend prevede una DIFFICOLTÀ MEDIA non per le pendenze, fruibili comunque e adatte al Nordic Walking, ma per la lunghezza delle due tappe (comprese tra 15 e 20 km circa).
È richiesta anche una buona adattabilità alla sistemazione per la notte.

Per il pernottamento abbiamo accordi con un paio di strutture a gestione familiare di medie/piccole dimensioni: per poter confermare i posti è necessario prenotare quanto prima e chiediamo quindi cortesemente di FARCI PERVENIRE L’ADESIONE ENTRO POCHI GIORNI in modo da poterci organizzare per il meglio

PROGRAMMA

SABATO 4 MAGGIO

ore 8.00
appuntamento al casello di Tagliacozzo dell’autostrada Roma – Pescara
e trasferimento a Sante Marie per il ritiro del salvacondotto

ore 10.00
partenza della prima tappa Valdevarri – Poggiovalle – Villerose – Torano 
dislivello:  salita 394 mt – discesa 625 mt
distanza: 18 km circa
pranzo al sacco

ore 20.00
cena presso la taverna dei Briganti e pernottamento presso l’ostello 

DOMENICA 5 MAGGIO

ore 8.00
colazione presso l’ostello

ore 9.00
partenza della seconda tappa Torano – Spedino – Cartore – Santa Maria in Valle Porclaneta 
dislivello:  salita 270 mt – discesa 330 mt
distanza: 15 km circa
pranzo al sacco

ore 17.00 circa
conclusione del weekend

Partiremo dal paese di Valdevarri (60 abitanti circa) percorrendo la omonima valle che è la meno turistica del viaggio, pensate che la strada che attraversa il paese è stata asfaltata pochi anni fa.

Dalla Val de Varri salendo attraverso un magnifico bosco di querce, faggi, cerri, sorbi ecc scavalleremo  la montagna per entrare nella Valle del Salto, scendendo al paese di Poggiovalle (20 abitanti).
È uno dei borghi più caratteristici ed è il paese natale di alcuni fra i briganti più famosi.

Da Poggiovalle percorrendo un viottolo ombreggiato giungeremo al ponte vecchio del fiume Salto che scorre sotto il paese e camminandovi a fianco per un  tratto saliremo a Villerose che prende il nome dal vicino Monte Rose, a sua volta chiamato così per l’abbondanza di cespugli di Rosa Canina che durante il periodo della fioritura colora e profuma tutte le colline circostanti.

Da qui la deviazione per Torano ci condurrà al termine della nostra prima giornata di cammino.

Lasceremo Torano alla volta di Spedino, da qui scenderemo su una strada sterrata fino al bellissimo villaggio di Cartore, sede di una famosa banda di briganti, situato alle pendici della montagna della Duchessa.

La Montagna della Duchessa fa parte della Riserva Naturale Montagne della Duchessa. Percorrendo il vallone di Fua in un suggestivo bosco di cerro, frassino, carpino che lascia il posto sopra i 1200 m ad una magica faggeta, si arriva all’incontaminato e incantevole Lago della Duchessa (1788 m). Questa appena descritta è un tappa facoltativa del cammino con dislivelli importanti che abbiamo intenzione di proporre in seguito solo per escursionisti esperti con l’aiuto di Guide e Accompagnatori di Media Montagna locali.

Dopo una breve sosta per un caffè da Anna e Marco ripartiremo da Cartore risalendo al Passo Le Forche, sotto il Monte Velino, dove consumeremo il nostro pranzo al sacco.
Da qui scenderemo a Santa Maria in Valle Porclaneta, un luogo carico di suggestioni e dove concluderemo il nostro Cammino visitando la magnifica chiesa romanica capolavoro d’arte del X secolo.

COSTO
85,00 €
(è richiesta una caparra di 50,00 € a mezzo bonifico bancario)

la quota comprende

  • sistemazione in ostello con prima colazione
    (l’ostello è dotato di camere multiple o doppie con bagni esterni assegnati ad ogni camera) – in caso di esaurimento posti presso l’ostello sarà possibile soggiornare alla medesima cifra in una struttura con mini-appartamenti presso S. Anatolia
  • cena del sabato presso la taverna dei Briganti (antipasto, 2 assaggi di primi, scaloppine, insalata, vino, acqua, amaro, caffè) – comunicare eventuali intolleranze o allergie
  • pranzo al sacco della domenica
  • bandana / fascia collo dell’Associazione
  • accompagnamento e assistenza da parte dello staff di RomaCammina
  • trasporto bagagli
 

la quota non comprende

  • pranzo al sacco del sabato
  • trasferimento da e per Roma (chi avesse necessità o disponibilità di posti auto può comunicarlo allo staff per organizzare gli equipaggi con cui dividere le spese)
  • quanto altro non espressamente indicato nella quota comprende

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.